martedì settembre 26th 2017

Interesting Sites

Insider

Archives

Raf al Perla: «Anni ’80, benessere non sfruttato dal Governo Craxi» (FOTO – VIDEO)

Grande successo e sold-out anzitempo per Raf, tornato ad esibirsi per la quarta volta (dato ribadito più volte durante la performance) all’Arena spettacoli del Casinò Perla, struttura di punta del Gruppo Hit. Scaletta estremamente ricca quella proposta venerdì sera al calorosissimo pubblico (non sono mancate le incursioni di alcune fans sul palco durante la performance) per oltre un ‘ora e quaranta di spettacolo, poche parole tra una canzone ed un’altra, ma anzi grande spazio alla musica ed ai brani più celebri dell’artista (da “Due” a “Sei la più bella” da “Cosa resterà” a “Self control”, da “Battito” a “Infinito”, intervallata da alcune chicche “Solo io” non è stata ancora pubblicata in nessun album e non è nemmeno ancora acquistabile online oltre un medley di canzoni realizzati da solista suonando anche il piano.

«Nel corso della mia carriera sono state senz’altro più le soddisfazioni delle delusioni – ci tiene a sottolineare Raf. La partecipazione a Sanremo è stata un tentativo di ribaltare la sorte visto i piazzamenti sempre deludenti che avevo ottenuto nelle passate edizioni a cui però sono sempre seguite grandi soddisfazioni di vendite dei singoli e dei dischi con le canzoni che portavo al Festival. Il primo anno sono arrivato penultimo con “Inevitabile Follia”, “Cosa resterà” invece quart’ultimo. Anche quest’ anno la delusione sanremese è rientratA nelle mie caratteristiche che evidentemente sono poco adatte al palcoscenico della manifestazione canore più popolare d’Italia. Avevo affermato in passato che non avrei più partecipato al Festival ma con il conduttore di questa ultima edizione, Carlo Conti, ho sempre avuto un rapporto di amicizia e simpatia sin da quando lui faceva il dj a Firenze. E’ riuscito a convincermi a partecipare dopo oltre 20 anni dalla mia ultima apparizione. Ciò che mi ha dato fastidio di questa edizione è stato l’atteggiamento dei giudici, che hanno giudicato troppo la performance e poco la canzone ed il contenuto del Festival, quasi che fossimo in un talent, invece Sanremo è tutta un’altra cosa, forse non se ne sono accorti».

«Gli anni ’80 sono molto simili agli anni ’60 – continua il cantante – di cambiamenti in meglio, la gente era felice, spensierata, serena non solo in Italia ma un po’ ovunque si iniziava ad apprezzare il gusto dell’effimero mentre negli’ anni ’70 invece si era molto più impegnati nelle lotte politiche e sociali, sulle conquistate di diritti importanti ancora al giorno d’oggi. Il benessere economico italiano degli anni ’80 è stato sfruttato malamente dall’allora Governo Craxi. E’ stata senz’altro un’occasione sprecata per fare quel salto di qualità allo stato proiettandolo ai vertici economici mondiali. Tutto ciò è mancato perché la classe politica di allora se ne è approfittata un po’ troppo. Tutto sommato c’è da dire che da allora le cose non sono cambiate granché sotto questo punto di vista».

Nel 1987 Raf ha partecipato all’Eurovision Song Contest, arrivando terzo con Umberto Tozzi «la storia dell’Eurofestival, ci spiega – ha avuto dei periodi di alti e bassi, periodi che faceva molto audience in tv ed aveva molto seguito nel corso della sua storia poi non solo in Italia ma anche altrove, vedi l’Inghilterra, uno degli stati tra l’altro che esporta più musica in giro per il mondo, è stato un po’ snobbato. Negli ultimi anni è stata una ripresa del Festival. Ricordo come una belle esperienza, ad un certo punto abbiamo addirittura rischiato di vincerlo».

Si può dare di più” è stata scritta da Raf «L’ho fatta ascoltare a Caterina Caselli – conclude Raf – che in quel periodo voleva fare un progetto simile a “Band Aid” però tutto italiano per raccogliere fondi per i paesi meno fortunati. Il progetto non è riuscito. Mi è stato chiesto anche a me di partecipare al trio ma venivo dal successo di “Self-Control” e fare così di botto Sanremo non mi è sembrato il caso, così la scelta poi è caduta su Enrico Ruggeri. Sono felice comunque perché ho vinto come autore».

Leave a Reply