martedì marzo 19th 2019

Interesting Sites

Insider

Archives

Festival di Sanremo 2.0, dal televoto a twitter

Anche per quest’anno il Festival di Sanremo è volto al termine della rassegna. Come le ultime edizioni (eccezion fatta per il 2011, in cui ha trionfato il Prof. Roberto Vecchioni, e vorrei ben vedere) ha vinto un cantante arrivato direttamente da un reality show musicale (Amici e X-Factor i più gettonati).
Ciò che più di tutto ha rivoluzionato il Festival in questi ultimi anni è stato il televoto, grazie al quale gli spettatori hanno potuto e possono scegliere il cantante preferito, diventando quindi protagonisti del programma e non subendo passivamente la classificata stilata dai voti della giuria di qualità, come avveniva fino a pochi anni orsono.
Ciò è sicuramente un fatto positivo: il pubblico, diventa parte integrante del programma, si fidelizza maggiormente sul prodotto e si sente responsabilizzato dal diritti al voto che è stato attribuito. Questa grande partecipazione si evince poi dal particolare successo che la rassegna ha avuto sui social network, in particolare Twitter, in cui fans dei concorrenti in gara e semplici curiosi si sono dati battaglia a colpi di tweet commentando le esibizioni, i testi e le gag alternatesi sul palco del Teatro Ariston.
Dunque un Festival che in questi ultimi anni è andato al passo coi tempi, evolvendosi in Festival-Social con un occhialino al reality, da dove appunto provengono numerosi cantanti delle ultime edizioni della rassegna canora.
Questi cantanti provenienti dal cospicuo vivaio dei talent-show nazionali hanno avuto la meglio nelle ultime edizioni. Partono avvantaggiati dal fatto che la loro vittoria al reality è stata dovuta proprio la televoto: dunque si portano un tesoretto di voti e di pubblico fidelizzato ben consistente, che diventa determinante quando la vittoria viene scelta tramite questa metodologia di voto.
Il punto critico di ciò, infine, è il fatto che la giuria di qualità vota, o perlomeno dovrebbe scegliere, sulla base del testo della canzone, e non esclusivamente, o quasi, sul cantante che la esegue. Ed è proprio questo il punto: nelle ultime edizioni i cantanti vincitori hanno potuto trionfare grazie al passato vittorioso in un reality (o comunque l’approdo nella fase finale del medesimo): i sostenitori, hanno ribadito il loro tifo confermando il proprio appoggio, per poter così realizzare una doppietta talent-Sanremo.

(Venerdì 17 Febbraio 2013)

Luca Marsi
Sociologo